giovedì 24 aprile 2008

VISIONI 'PADANE'



Buon 25 Aprile a tutti, con il ricordo di un grande 'padano', Raffaello Baldini,poeta nato a Santarcangelo di Romagna nel 1924, vissuto a Milano dal 1955, morto nel 2005.Grande, lunare, dolcissimo, visionario.

E testament

U s vaid ch'la s sinteva.
E mert mateina la a ciame' l'Elvira
e la i à fat mett zo' s'un foi ad cherta
tòtt una lèsta:
trezent french ma l'Aurora
pr' un casp ad insaleda
e mez chell 'd melarenzi,
melaquatarzent french me Furlivais
pr'e' cherosene,novzent french ma Breina
par l'oli di scarcioffal,
sizent french ma l'Ofeglia
pr'agli eghi,du ruchett,la naftalina,
quatarzenvinzinc french ma Rafaèl
pr'al candaili e un lumein.
E pu zòbia u i à ciap un sèra sèra,
la a dètt:oh, mama!
e le è morta t'un sbress cme' un pasarot.
(Il testamento.
Si vede che se la sentiva/ Il martedi' mattina ha chiamato l'Elvira/ e le ha fatto metter giu' su un foglio di carta/tutta una lista:/trecento lire all'Aurora/per un cespo di insalata/e mezzo chilo di arance,/millequattrocento lire al Forlivese /per il cherosene ,novecento lire a Breina/per l'olio dei carciofi/seicento lire all'Ofelia / per gli aghi,due rocchetti, la naftalina/quattrocentoventicinquelire a Raffaele/per le candele e un lumino./E poi giovedi le ha messo un serra serra,/ha detto:oh,mamma!/ed è morta in un soffio come un passerotto. )

Smurte'!

U n s vaid pio' gnent,mo chi è ch' l'a zais la luce?
mè a deggh ch'i è mat,smurte'chu i e da inzgheis!
csa i e ellavnu in amènt ades,figheurt
che mè a ragn quant i zend un furminent,
l'è furistir? chi sèiv? e in smorta mègga,
o un brusour ti occ,i m coula,
e camine' tached me meur? sal meni,
a tast,mo sè,u s va po',
pianin pianin,che pu a n'o d'ande' invell

(Spegnete!
Non si vede piu' niente,ma chi è che ha acceso la luce?/io dico che sono matti,spegnete che c'è da accecarsi/cosa gli è venuto in mente adesso,figurarsi/che io protesto quando accendono un fiammifero/sono forestieri?chi siete?e non spengono mica,/ho un bruciore agli occhi,mi colano,/e camminare lungo il muro?con le mani/a tastoni,ma si',si va pure,/piano piano,che poi non devo andare da nessuna parte)

Mett
Mett ch'e venga la fein de mond,admen,
pasdmen,e a muremm tott,mett che la tera
la s'infraida,la s sfrangla,
ch'la s'ardeusa un purbion,ch la s perda tl'aria,
al steli,e vèn un schèur,
u n gn'è piò gnent,e at tott che scheur è temp
l'andara' ancoura aventi? da par leu?
e dò c'andra'?
(Metti. Metti che venga la fine del mondo,domani/dopodomani,e moriamo tutti, metti che la terra/ s'infradici,si sbricioli,/che si riduca un polverone,che si perda nell'aria,/ e la luna lo stesso,si spegne il sole,/le stelle,viene buio,/non c'è piu' niente,e in tutto quel buio il tempo/andra' ancora avanti?da solo?/e dove andra'?)
Raffaello Baldini,'La naiva,Furistir, Ciacri', Einaudi Editore

2 commenti:

Carmela ha detto...

Piacere di aver fatto la tua conoscenza, sono donnanonmoderna della Stampa, ma ho anche un altro blog su libero che adesso ti lascerò nel commento...mi piacciono le storie dei nonni e della nostra tradizione, ma mi piace soprattutto scrivere e vedo che piace anche a te, complimenti e a presto spero...Carmela

anna rosa balducci ha detto...

Fa piacere anche a me, poi il nome 'Carmela' mi ricorda una signora sarda,una cara amica.
Si',mi piace scrivere e ormai considero questa cosa un bel regalo,mi fa compagnia e mi aiuta a vivere.Cari saluti