giovedì 22 novembre 2007

DI MAFIA SI PUO' PARLARE


Di mafia si puo' parlare, e di 'nadrangheta, e di legalità, anche con i ragazzi dai tredici ai quindici anni. Purche' con il giusto tono.

Assolutamente vietata l'enfasi moralistica, produce l'effetto opposto.

Anche la retorica de 'i cattivi sono loro'.Crea il mito del malvagio.

E l'afflato missionario, puzza di insegnante frustrato.

Invece, con un piccolo oggetto come questo romanzo breve per ragazzi di Luisa Mattia(http://www.luisamattia.com/), con la postfazione di Tano Grasso- coordinatore della Commissione antirackett-,Sinnons Editore , il tono è subito giusto.

Un libretto prezioso, dovrebbe essere distribuito nelle classi,delle medie e dei bienni delle superiori.-Ma anche dei trienni, visto come scrivono e parlano, viva la semplicità degli strumenti-

Una bella storia, un linguaggio semplice ma sincero,molti dialoghi, ben delineati i personaggi.

L'individuazione di 'un punto',il punto della 'scelta',nella coscienza di un quattordicenne.

Moltissimi i nessi con quel deposito infinito di temi che è il romanzo manzoniano.

Grossa presa 'visiva'.

Facendo un calcolo degli elementi spuri che possono disturbare una lettura guidata e semplice con un gruppo di adolescenti,magari indirizzata ad un laboratorio di comprensione/composizione-dalle variabili climatiche alle distonie affettive, dalle sinapsi neuronali ballonzolanti ai ronzii del virtuale,compresi i residui dell'ultima brodaglia da video,con l'aggiunta di una nozione di legalità che farebbe rabbrividire anche i commensali muti che sbafano alla tavola di don Rodrigo -le possibilità di riuscire sono quasi sufficienti.

1 commento:

Luisa Mattia ha detto...

LA SCELTA è una storia in cui la mafia non è mai nominata. Succede perché c'è, la mafia, in ogni azione, in ogni pensiero dei personaggi. C'è anche sui gradini che li portano a casa, sulle strade che percorrono. C'è nell'immaginazione del loro futuro. Poi accade qualcosa. Il ragazzo che è avvolto da una cultura di prepotenza e di anaffettività incontra un altro mondo. E' il mondo di un puparo coraggioso e non violento, di una ragazza che non è una "fimmina" obbediente, di persone che non vogliono prevaricare ma vivere ed esserne felici.E' una storia di pre-mafia, come dice Tano Grasso. Siamo sul bordo dell'abisso e Totò, il protagonista, sceglie di non caderci. Si può fare. Un quattordicenne ci può riuscire. Ho scritto questo romanzo pensando che questo tema dovesse essere il nucleo della vicenda. E dico GRAZIE ad Anna Rosa per il post così bello e per la lettura così attenta. Luisa Mattia